Namastè,

anche le festività stanno finendo e sono passate su Torre delle Stelle quasi invisibili. La natura, il silenzio, i suoni sono sempre gli attori principali, che di volta in volta interpretano scenari differenti ma sempre bellissimi.

Guardo dalla finestra dello studio le nuvole, il mare, i colori acquarello. Un paesaggio che sa di nostalgia, di sentimenti delicati, di pace. Le scelte di inizio anno portano finalmente serenità e cancellando il grigiore dell’anno passato.

torre delle stelle

Tramonto ad est  – Torre delle Stelle

Tornando ai nostri colori, dal giallo passiamo al blu e all’azzurro, i colori di Visuddha Chakra, il centro energetico della comunicazione. Le sue proprietà sono Armonia, Creatività, Risonanza, Coerenza e Verità, un cakra di cui tratterò in maniera più approfondita in una prossima serie di articoli dedicati ai Cakra.

Visto, però, che stiamo parlando di cakra in riferimento ai colori e alle pietre delle Mālā , i rosari che si utilizzano per la recitazione dei mantra, vi ricordo:  

Bija Mantra di Visuddha cakra, suono stimolante, che carica HAM 

Suono in risonanza, suono di pulizia, che scarica LII (come fili).

Il blu è un colore calmante e rinfrescante, che ci collegata al cielo, all’acqua, al mare. Basta pensare a quando siete in spiaggia contemplando il mare o di fronte alle acque placide di un lago o, ancora, sdraiati a ammirare il cielo. L’effetto tranquillizzante delle sfumature di blu mostra subito il suo effetto, anche sulle persone con poca pazienza e aggressive.

Chi ama il blu è solitamente una persona incline alla riflessione, all’autoanalisi, all’introspezione. Controlla bene le sue emozioni, ha un carattere equilibrato, è saggia e intelligente. Leale, fidata e amorevole tende però a auto compiacersi e a sopravvalutarsi.

L’amante del blu ha grande pazienza e resistenza e pensa che tutti dovrebbero vivere nell’onestà e in modo equilibrato. Il rifiuto del blu, invece, denota una certa instabilità interiore e l’incapacità di stabilire una comunicazione profonda.

La pietra blu per eccellenza che troviamo spesso nelle mālā è il Lapislazzuli , una pietra pregiata sin dall’antichità e associata al Buddha della Medicina Bhaiṣajyaguru.

Promuove la chiarezza mentale, aumenta l’espressione creativa, è la pietra della saggezza, dell’integrità e dell’illuminazione. Energizza  Visuddha Cakra e Ajna cakra, il Terzo Occhio. Potete posizionare la pietra sull’area del sesto cakra per aumentare l’intuizione.

Altro colore e pietra che troviamo di frequente nelle mālā è il Turchese. Il colore è la rappresentazione di noi stessi e ci aiuta a accrescere la consapevolezza del sè.  Spesso le persone che amano questo colore sono complesse, fantasiose ma nascondono sotto la sicurezza esteriore, l’inquietudine e il tumulto interiore.

La pietra può essere considerata un bilanciatore emozionale, calma la mente razionale, favorisce la comunicazione e induce a sentimenti di amicizia e lealtà.

Potete utilizzare una pietra di turchese durante la meditazione, tenendola in mano, per rimanere connessi alle proprietà guaritrici dell’acqua e aumentare la capacità di visualizzazione. Indossatela come ciondolo soprattutto quando dovete proteggervi da persone opprimenti, che mostrano un egocentrismo negativo.

Con l’Onice nero, è considerata una pietra capace di assorbire i pensieri negativi, ricordate quindi di purificarla frequentemente.

Buon fine settimana, OM Shanti

Lucia Padmavati 

 

Lucia Rizzi Padmāvatī , insegnante Yoga con orientamento ayurvedico, diplomata presso la scuola quadriennale C.Y. Surya del Maestro Amadio Bianchi (Swami Suryananda Saraswati), Diploma Nazionale Insegnante Yoga Bimbi presso Centro Studi Naturalia, Trainer di Ginnastica Posturale Metodo Scientifico ATS, Operatore specializzato in attività sportiva ginnastica, finalizzata alla salute e al fitness (Diploma CONI). Si è inoltre diplomata in Naturopatia (900 ore) presso la Scuola Italiana di Heilpraktiker (Centro Ayni) di Milano nel 2004. Attualmente insegna Yoga a Torre delle Stelle presso l'Associazione Culturale e APS Alchimissa

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie
Iscriviti al nostro blog
Loading