I Cakra

Che cos’è un Cakra?

I Cakra, sono centri energetici sottili che coordinano il  prana, la forza vitale che governa ogni aspetto della nostra vita. Sono vortici di energia rotante non visibili all’occhio umano perché vibrano a frequenze più elevate. Sono posti lungo la colonna vertebrale, sia nella parte anteriore che in quella posteriore.

Nello Yoga, i Cakra sono simboleggiati dal Fiore di Loto in differenti colori e con differente numero di petali. Il Loto esiste a 3 livelli: il fango, l’acqua e l’aria. Cresce nel fango e si “allunga” attraverso l’acqua per raggiungere l’aria e il sole. Ciò simboleggia la crescita dell’uomo dai livelli bassi della coscienza ai più alti,  attraverso i tre stadi della vita spirituale: ignoranza, sadhana o pratica spirituale e Illuminazione.

i sette chakra

I Sette Cakra

I 7 Cakra sono creati dalla combinazione di due principi attivi: la coscienza e la materia. Il flusso della coscienza entra attraverso il Cakra della CoronaSahasrāra,e scende verso il basso attraversando il corpo. Essi rappresentano elementi che si fanno sempre più densi a mano a mano che scendono verso la Terra, per cui potremmo chiamare questa corrente energetica Corrente della Manifestazione.  Ad esempio, quando un pensiero diviene visualizzazione, parola e poi forma siamo implicati nel processo della Manifestazione. E’ solo in questo modo che la coscienza può manifestarsi, prendendo corpo.

Pensiamo a Purusa (pura coscienza) e Prakrti (sostanza originale, materia) : solo attraverso Prakrti,  il Purusa può manifestarsi, cioè solo prendendo un corpo fisico.

Esiste però anche una Corrente ascendente, di Liberazione che si muove dalla Terra alla Coscienza eterea. Nel nostro cammino risaliamo i vari Cakra diventando sempre meno limitati, sempre più sciolti dalle restrizioni del mondo materiale.

L’uomo, per essere sano, ha bisogno che entrambe le correnti siano in equilibrio tra loro, come dice Anodea Judith:

“Se non possiamo essere liberi, non riusciremo a cambiare, a crescere o a espanderci. Diventiamo degli automi, fissati inconsciamente a subroutine ripetitive, e la coscienza si addormenta per la noia. All’opposto, senza la corrente della manifestazione, ci sentiamo vuoti e privi di scopo, dei sognatori che volano in ampi spazi, ma incapaci di atterrare, pieni di idee, ma incapaci di assumersi delle responsabilità o di portarle a termine. Quando uniamo le due correnti otteniamo l’unione delle polarità cosmiche, nota come Nozze Sacre. Questa unione degli opposti apre delle possibilità illimitate. E’ la fonte metaforica della concezione, un termine che indica tanto la nascita di un’idea quanto l’inizio della vita”.

I Cakra immagazzinano il prana cosmico e lo trasformano in livelli energetici idonei per essere utilizzati dal corpo, ma rappresentano anche i vari livelli di coscienza raggiunti da un uomo. A livello fisico:

Muladhara Cakra : centro della Radice rappresenta le fondamenta su cui si erge il corpo fisico

Svdhisthana Cakra: energizza l’Apparato Urinario

Manipura Cakra:  energizza il Sistema Digestivo

Anahata Cakra: energizza l’Apparato Respiratorio e Cardiovascolare

Vishuddhi Cakra: energizza le Orecchie, gli Occhi, il Naso e la Gola

Ajna Cakra: energizza il Cervello

Sahasrara Cakra: sede della Pura Coscienza

Ogni Cakra è associato ad una specifica frequenza di energia pranica: i cakra più alti vibrano ad una frequenza più alta e sono quindi i responsabili dei livelli più sottili di coscienza e di  intelligenza.

Purtroppo i Cakra vengono influenzati dalle esperienze negative della vita, dal dolore, dai traumi infantili, dai condizionamenti sociali e ambientali, di conseguenza vengono a formarsi dei blocchi che portano afflizione sia a livello fisico che a livello di coscienza.

La stimolazione dei Cakra attraverso le pratiche dello yoga porta a uno stato di maggior consapevolezza e a cambiamenti a livello della coscienza, aiutandoci a sciogliere i nodi che bloccano i nostri Cakra.

Con l’autunno inizierò dei corsi settimanali sul risveglio dei Cakra, partendo da Muladhara Cakra che rappresenta il nostro radicamento alla terra e Vishudda Cakra: asana, pranayama, esercizi di visualizzazione e di percezione delle varie parti del corpo.

In Ottobre, avrà anche inizio una serie di 6 incontri su: “Yoga e Donne: la forza segreta del corpo femminile” durante i quali si lavorerà sul bacino e la zona pelvica e quindi anche sui primi due Cakra.

OM Shanti

Lucia Padmāvatī

Seguimi su www.facebook.com/alchimissa.wellness

 

 

 

 

  • 8
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  • 30
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Padmavati

Padmāvatī , insegnante e terapista Yoga, Yoga Terapia e Ayurveda, diplomata presso la scuola quadriennale C.Y. Surya del Maestro Amadio Bianchi (Swami Suryananda Saraswati). Si è inoltre diplomata in Naturopatia (900 ore) presso la Scuola Italiana di Heilpraktiker (Centro Ayni) di Milano nel 2004. Attualmente insegna Yoga a Torre delle Stelle presso Alchimissa Yoga

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-4081969-3