Diwali, la Festa delle Lanterne

Namasté,

in questi giorni si festeggia in India, e anche in altre parti del mondo, la Festa delle Lanterne, chiamata Divāli (Diwali)Dīpāvali. Cade in una notte senza luna nel mese di Kārtika (ottobre/novembre)  e dura 5 giorni. Quest’anno la data è il 6 o 7 novembre, due giorni prima e due giorni dopo, dipende dalle zone dove viene festeggiata. La parola sanscrita Dīpāvali significa Fila di Lanterne, di Luci dove la luce sta a simboleggiare la forza contro l’oscurità che  rappresenta invece la debolezza.

Le energie negative che operano all’interno di noi stessi e distruggono la forza e  la purezza delle nostre vite sono simbolo dell’oscurità. Nella Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad vi è un Mantra che dice:

 

Asato ma sadgamaya – Portami dalla falsità alla verità                                                       

tamasomā jyotir gamaya  – dall’oscurità alla luce

mrityormāamritam gamaya  – dalla morte all’immortalità.

 

Le Upaniṣad spiegano che la falsità e l’oscurità rappresentano la morte mentre la verità e la luce, l’ immortalità. Tormentato dalle forze della staticità e dell’oscurità, l’essere umano cerca la luce per la sua liberazione.

E le lanterne di Divāli rappresentano un mezzo per raggiungere la fine di questa oscurità che risiede dentro di noi, l’oscurità dell’ignoranza, dell’egoismo della dualità che non ci permette di sentirci parte di un unico Universo. Della violenza, della rabbia, dell’invidia e dell’ingiustizia a favore di una maggior consapevolezza e conoscenza.

Durante questa festa, in India la gente decora le proprie case con le tipiche lanterne ad olio o ghee, in terracotta, chiamate diya e crea deliziosi Raṅgolī nei cortili o di fronte ai cancelli delle case. Mettono fiori e foglie di mango su porte e finestre. Indossano vestiti nuovi e  si scambiano dolci. Petardi e mortaretti vengono fatti scoppiare per allontanare le energie negative.Il terzo giorno del Festival è quello più importante per le celebrazioni. Si rende onore a Gaṇeśa  e Mahālakṣmī perché concedano benessere e prosperità. Gaṇeśa rappresenta la buona sorte mentre Lakṣmī la ricchezza e la prosperità.

Tutti i membri della famiglia cantano Mantra e offrono fiori, dolci, monete d’oro e d’argento e accendono diya di fronte alle divinità.

Un grande augurio alla nostra Madre Terra perché la luce della consapevolezza e della conoscenza illumini i cuori e le coscienze dei suoi figli umani. Buon Divāli a tutti

OM Shanti

Padmāvatī

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Padmavati

Padmāvatī , insegnante e terapista Yoga, Yoga Terapia e Ayurveda, diplomata presso la scuola quadriennale C.Y. Surya del Maestro Amadio Bianchi (Swami Suryananda Saraswati). Si è inoltre diplomata in Naturopatia (900 ore) presso la Scuola Italiana di Heilpraktiker (Centro Ayni) di Milano nel 2004. Attualmente insegna Yoga a Torre delle Stelle presso Alchimissa Yoga

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-4081969-3